venerdì 26 giugno 2009

COMPARATIVI E SUPERLATIVI DEGLI AGGETTIVI IRREGOLARI



Grado
Comp.Sup. Sup.rel. Sup.ass. Positivo


Buono 


migliore il miglior ottimo


(più buono) (ilpiù buono) 


(buonissimo) 


Cattivo 


peggiore il peggiore pessimo 


(più catt.) (il più cattivo)


(cattivissimo)


Grande 


maggiore il maggiore massimo 


(più grande) (il più grande)


(grandissimo) 


Piccolo


minore il minore minimo 


(più
piccolo)(il più piccolo)


(piccolissimo) 


Alto


superiore il superiore supremo,
sommo 


(più alto) (il più alto) (altissimo)


Basso 


inferiore l’inferiore infimo
(più basso) (il più basso)
(bassissimo) 











***








Ps: Tra parentesi vi sono le forme
regolari (vale lo
stesso anche per molto+aggettivo 


(molto buono, molto piccolo, ecc.) 


per il superlativo assoluto





Non si possono usare sempre con la stessa
valenza,


le forme regolari e irregolari.


Diciamo che le irregolari sono in
alcuni casi preferibili
da usare in un senso astratto, 


mentre le regolari in
modo più concreto. 


Faccio qualche esempio


Non ne ho la minima idea


(e non.... non ne ho piccolissima idea) 


Perché l’idea è qualcosa di incorporeo. 


Ma ...la torta è ottima- 


è buonissima 


(fa lo stesso) 





Seguo il corso superiore


(e non il corso più alto) 


E’ una questione di infimo ordine 


(e non di piccolissimo ordine) 





Questa stanza è grandissima


( e non massima...ma è il massimo
rappresentante della
letteratura francese...)

Nessun commento:

Posta un commento